settembre 10, 2018

"Come hai fatto?"

settembre 10, 2018 Posted by F. I. , , 1 comment
Caro In.Di.Co.,



Lo so che tu sai e che mi sei vicino, ma scrivo per me, per far salire quelle emozioni dolorose che sento dentro, giù giù, e che se non le metto nero su bianco, ho paura che mi possano ingoiare…

Oggi la pillola parla dell’invidia… come l’altra faccia del fallimento… sì, sono invidiosa di quella pseudo-normalità di chi mi sta attorno, sono invidiosa di discorsi frivoli e poco profondi, sono invidiosa di chi inconsapevolmente si sposa e mette al mondo dei figli, sono invidiosa di chi ha un rapporto “normale” con la propria famiglia, sono invidiosa di quei pranzi condivisi in cui dirsi cazzate… e mi domando perché io invece non posso assaporare un po’ di quella “normalità” banale e falsa e scontata… sono matta forse? No, non sono matta, sono stanca, stanca di sentire dentro questa angoscia che mi toglie il respiro e di non sentirmi mai pienamente soddisfatta e felice… fallita…

Ma poi ritorno in me e penso che in fondo in fondo quella “normalità” non fa per me, non mi appartiene, è solo una illusione di aver fatto dei passaggi in avanti, mentre invece si è affossati in obblighi-doveri sterili. Forse vedo quello che voglio vedere, sento quello che voglio sentire, per rafforzare dentro di me l’idea che sono fallita, che non valgo niente, così ho una scusa, una scusa per piangermi addosso, una scusa per non procedere, una scusa per non crescere. 

E allora faccio un respiro, asciugo le lacrime, chiudo gli occhi, e mi guardo dentro. E mi accarezzo con dolcezza, anche se non sono perfetta, anche se la vita che vivo non è perfetta, anche se ciò che mi circonda non è perfetto.

Mi osservo bene, e vedo da dove sono partita… e vedo dove sono oggi… e mi sussrurro: “Come hai fatto? Voglio provarci anche io!”. 

Piccola viandante stanca in cerca di un'oasi

1 commenti:

ANGELA ha detto...

Proprio bello ed emozionante questo post. Anch'io mi sono sentita in passato come te. Condivido anche la tua bella conclusione.