aprile 15, 2015

Sasso di Castalda (PZ), mercoledì 8 aprile 2015. VI° PROGETTO RAINBOW. Decimo giorno.

FONDAZIONE NUOVA SPECIE ONLUS 
Registro Persone giuridiche n. 429
Prefettura di Foggia




VI° PROGETTO RAINBOW.
DECIMO GIORNO: 
SCIALUPPE.


La giornata inizia con pensieri e comunicazioni, Daniela ci ha donato una bella poesia - IN QUIETA QUIETE - scritta da Lei stessa, Diego da riflettuto sulla capacità di riconoscere i propri bisogni quesito rivolto a tutti i Rainbownauti.  
Ivan nel darsi valore ha ricordato che ha dovuto riaggiustare la lunghezza della propria cintura in positivo.  
Monica ha ringraziato Roberto per il dono ricevuto
Brunella ha ringraziati Raffaele per averla accompagnata a riconoscersi come Madre


Siamo partiti con l’Inno del VI° Rainbow - HO IMPARATO A SOGNARE-.

Raffaele ha cominciato a costruire l’equipaggio delle scialuppe ben cinque. La nave si è svuotata e tutti sono partiti per il viaggio.


Nella prima scialuppa con embrione Daniela è emerso il rapporto conflittuale con il padre e la difficoltà di chiarire la sua identità a volte bambina con i bisogni di quella età a volte di persona adulta con il desiderio di realizzarsi anche nel ruolo di mamma.


Come consigliato dal Dr. Loiacono nel bilancio di martedì ha consigliato Silvia affinché si impegnasse a far emergere i propri desideri distinguendo quelli di bambina e quelli di donna. Questo è avvenuto nella seconda scialuppa. E’ emerso ancora non appagato e cancellato da molti anni il desiderio di riavvicinare i genitori separati da quando Lei aveva dodici anni. Questo vuoto è stato colmato rimanendo coccolata da due devoti genitori.


La terza scialuppa con embrione Ivan ha riportato a galla l’infanzia vissuta con molta difficoltà e il gruppo lo ha aiutato a esprimersi andando a contattare le emozioni vissute. L’aiuto in particolare di Elena è stato prezioso. Il suo materno senza confini ha accolto anche Ivan.
 


Nella quarta scialuppa formata da Diego come padre e Brunella nel ruolo di madre hanno regalato a Francesco embrione un'uscita a Brienza. L’accompagnamento è avvenuto attraverso la condivisine del pranzo e un confronto che ha potuto portare a galla alcuni incastri tra Francesco e la propria famiglia biologica.


Nell’ultima scialuppa con embrione Paola è emerso l’incapacità di Paola di riportare in superfice quelle parti negative vissute con la morte della madre quando aveva sei anni. Il gruppo è stato accogliente, in particolare Daniela, nell’aiutare Paola a rivivere sia le parti positive sia quelle negative e portare chiarezza nel vissuto


Nel pomeriggio è seguito il bilancio. Gli interventi di Raffaele con il Graal alla Salute e di Lara con il Quadrangolare hanno portato chiarezza e il senso della vita a tutti i presenti.

Giuseppe Michele

0 commenti: