aprile 04, 2015

Sasso di castalda (PZ), martedì 31 marzo 2015.VI° PROGETTO RAINBOW DELLA FONDAZIONE NUOVA SPECIE.




FONDAZIONE NUOVA SPECIE ONLUS
Registro Persone giuridiche n. 429 
Prefettura di Foggia










VI° PROGETTO RAINBOW.
II^ GIORNATA




Secondo giorno di immersione al progetto Rainbow.
La mattinata è iniziata partendo dall’ascolto del nostro stato quiete rispetto alla giornata di ieri ed alla nottata appena trascorsa.
Subito dopo D.S. ci accompagna con un pensiero rivolto al nostro corpo invitandoci ad ascoltarne il respiro ed il suo peso sui talloni e sulla punta dei piedi. E’ stato un pensiero molto bello perché ci ha permesso di soffermarci, guardarci negli occhi, sfiorarci con una carezza, un bacio, un abbraccio sentendoci piacevolmente riconosciuti. 


Al termine dell’esercizio, D. smossa da profonde emozioni si abbandona in un pianto liberatorio fra le braccia di L. che la coccola e consola amorevolmente.


 Anche B. e D., partendo dal loro stato quiete, ci regalano un pezzo della loro vita intrisa di forti emozioni che ci permettono di conoscerle più in profondità.

La mattinata si conclude in allegria, con canzoni e balli.



Subito dopo il pranzo, partiamo alla volta di Maratea, una località sul mare caratterizzata dalla sabbia di colore scuro e dalla costa rocciosa a picco sul mare. 


In questo scenario incantevole ci raccogliamo in cerchio ed insieme urliamo e danziamo lasciandoci piacevolmente bagnare dalle onde schiumose particolarmente bianche.
C. D. R. e B. ci accompagnano devotamente in un rito d’immersione di morte e rinascita della nostra vita più profonda.
Ognuno ha lasciato parti sue storiche che non servono più al viaggio della cercando di far vuoto per far emergere altre parti seppellite in profondità.


 Questo rito si è svolto in parte sulla spiaggia ed in parte fra le onde che, cancellando le nostre orme, portavano via la parte nostra storica aprendoci al nuovo.
C. suggellava questo rito con le sue mani bagnandoci il viso e benedicendoci.

Intanto G. ha acceso un bel fuoco ed ognuno di noi, dopo la benedizione, è stato accompagnato vicino ad esso dove ha ricevuto in dono un braccialetto intrecciato e colorato che simboleggia l’intreccio tra le diverse specificità e i tanti colori che ognuno di noi ha già dentro e non riesce ancora ad esprimere.


La serata si è conclusa gustando  della buona pizza locale offerta dai nostri conduttori.
Abbondantemente assonnati ma profondamente appagati, vi rimandiamo a domani.
Buona notte,

 Elena e Roberto

0 commenti: