dicembre 05, 2014

Troia (FG), domenica 16 novembre 2014. IV° EDIZIONE DEL PROGETTO "LA FINESTRA DI BABICH". Giornata dell'Accoglienza.

FONDAZIONE NUOVA SPECIE ONLUS
Registro Persone giuridiche n. 429
Prefettura di Foggia
 



IV° EDIZIONE DEL PROGETTO
"LA FINESTRA DI BABICH".
DALLA MISERIA
ALLA GRANDEZZA.

Accoglienza nella Casa
"Dai Nonni".



Sedici Donne si ritrovano a Troia ospiti della Casa "Dai Nonni" per avviare e partorire la IV° Edizione del Progetto "La Finestra di Babich".


Ad accoglierci, provate da un grande lavoro di riorganizzazione della casa che ha appena finito di ospitare i conduttori della settimana intensiva che ancora è in corso a Foggia troviamo tre donne: Giovanna, Gina e Maria.

Il tempo di prendere posto e appoggiare i bagagli e ci ritroviamo tutte in cerchio nella stanza "utero" che per alcune di noi ha già svolto questa funzione.

Per me Pina è il momento di vedere la casa ristrutturata ma anche il momento per rivedermi a distanza, per rivedere il percorso fatto dal Progetto di gennaio 2013.


Ci disponiamo naturalmente in cerchio e ci guardiamo negli occhi... Volti nuovi o incontrati pochissime volte: Pina, Silvia,  Sandra, Silvana, Maria, Gabriella, Rosa Paola, Giorgia Nadia Donatella, Patrizia e tre donne che rappresenteranno il loro lungo e faticoso percorso di ricerca Mariagrazia, Chiara e Pia.

Tante diversità che cercheranno di lasciare le proprie "comodità - certezze" e coglieranno l'opportunità per conoscersi, contraddirsi, avvicinarsi e intraprendere un nuovo viaggio, una Gravidanza ...

Cominciano Giovanna e Mariagrazia, le creatrici di scambio di Nuova Specie tra le loro esperienze e i loro saperi.
Ne è nata un nuovo Progetto "La Finestra di Babich", orientata a leggere la miseria umana femminile come ostacoli interiori che imprigionano la potenza di una donna che sa di essere un corpo uguale a quello della madre che l'ha messa al mondo.

Le presentazioni sono state generose, profonde forse perché ognuna ha sentito che c'è un grembo sacro capace di contenere-accogliere-contemplare ogni storia.


Le parole chiave che risuonano come Fondo comune in tutte sono :
Essere Corpo di Donna che da una può diventare due e restare una.

A chiusura della serata Pia parte e lascia il suo posto vuoto...
Domani ritornerà per guidarci in un'esperienza di Biodanza.

Pina
 

0 commenti: