dicembre 18, 2014

Aula didattica globale "Gianna Stellabotte" (FG), venerdì 28 novembre 2014. CORSO "INSIEME MADRE-NEONATO, OVVERO INSIEME FEMMINILE-MASCHILE". Terzo giorno.

FONDAZIONE NUOVA SPECIE ONLUS
Registro Persone giuridiche n. 429
 Prefettura di Foggia



ASSOCIAZIONE ONLUS ALLA SALUTE - FOGGIA
iscritta ai sensi della l.r. n. 11 del 16 marzo 1994
nel reg. gen. assoc. Volontariato col N. 305 – d.r. 56 del 25 maggio 1994
Via Candelaro 98/A - 71100 - Foggia



 
TRE CORSI PER UN PERCORSO.
III° CORSO: 
"INSIEME MADRE-NEONATO,
 OVVEROINSIEME FEMMINILE-MASCHILE".
 
Terzo giorno.
 


E fu sera e fu mattina.

Il terzo giorno è iniziato con l’invito - di Mariano a Rosanna - a leggere il biglietto di auguri che la figlia le ha inviato per il suo compleanno. E’ stato un modo per valorizzare la madre di aver dato luce a sua figlia e far riconoscere a Simona il valore di Rosa


In questa giornata di corso, Mariano entra nel vivo dell’Insieme Femminile-Maschile attraverso la canzone “Lacreme napulitane”; in particolare ci presenta due interpretazioni della canzone: l’una prevalentemente maschile di Merola e l’altra invece più femminile di Murolo.

La musica ci offre un altro ritratto della danza lenta, graduale e crescente del femminile nel “Boléro” di Maurice Ravel. La dimostrazione che un buon femminile può celarsi in un maschio si esprime in Fabio con Aurora che finalmente sente e riconosce come figlia.  


A fine mattina, Mariano chiama Adriana V. che introduce la teoria sull’Insieme Madre-Neonato fondata sull’osservazione della loro relazione nei primi giorni di vita. La teoria Madre-Neonato risponde alla domanda: “che senso diamo all’Esistenza” e “come possiamo modificarla”. Nel momento in cui si rompe la fusionalità della Gravidanza, il Neonato rappresenta il movimento all’interno della storia e la Madre l’intervento metastorico. Dal “filmato” emerge che il Neonato rappresenta il maschile che è il massimo dell’espressione dei bisogni e la Madre, il femminile, che si mette a disposizione per soddisfarli ed accompagnare il Neonato per farlo procedere nel viaggio, laddove senza di lei si fermerebbe.  




Il Viaggio dell’Esistenza è un ciclo costituito da due fasi: una ascendente, disagica e maschile (Iliade) e una discendente, nostal(a)gica e femminile (Odissea). Nel momento del ritorno ad Itaca-In.Di.Co., l’energia meccanica del movimento si trasforma in energia elettrica e ci restituisce olio nella lampada per rientrare nel ciclo dell’Esistenza rinnovati e far procedere in questo modo la Gravidanza metastorica.


Tra gli elementi o ingredienti della dinamica dell’Insieme, due sono stati oggi blowupizzati”:
1.    lo stato quiete o il sonno-sogno;
2.    l’emergere del bisogno o il risveglio del drago.
 


Il sonno-sogno è il momento in cui l’In.Di.Co. entra nella nostra storia senza l’esterno. Il Neonato vive ancora una condizione di fusionalità e autonomia. Dal sonno-sogno, Mariano ha estrapolato la rappresentazione dello stato quiete. Ciclicamente viene bombardato dall’emergere del bisogno (1^ dimensione) che segna il passaggio dallo stato quiete a uno stato di destrutturazione, nel caso in cui il bisogno non venga soddisfatto, comportando così la perdita di parti di sé.  A quel punto è importante l’intervento del femminile, perché questo venga soddisfatto.

Solo l’eroe femminile può fermare e uccidere il drago!

Dalla Tana del Drago (Casa “Dai Nonni”) emerge il bisogno di passare al sonno-sogno in modo che l’In.Di.Co. completi le parti che abbiamo tralasciato…

0 commenti: